LA RESISTENZA DELL’ACCIAIO AL FENOMENO DELLA CORROSIONE

Tutti i metalli, fatta eccezione per i metalli nobili come oro e platino che si trovano in natura al loro stato naturale, vengono estratti sempre dai loro minerali. I metalli hanno quindi la tendenza a rimanere in uno stato stabile, che poi rappresenta lo stato originale del metallo, che corrisponde allo stato d’ossido.
La corrosione del metallo è essenzialmente una reazione elettrochimica che avviene all’interfaccia tra metallo e ambiente circostante.
E’ sempre aleatorio poter prevedere, in generale, il comportamento nel tempo di un determinato materiale metallico se messo in contatto con un certo ambiente. Gli acciai inossidabili, grazie alla loro composizione chimica, hanno la possibilità di auto-passivarsi e di poter far fronte alle più disparate condizioni di aggressione.

I parametri che favoriscono i fenomeni corrosivi sono:

– la concentrazione dell’agente aggressivo

– la temperatura dell’agente aggressivo

– la velocità di fluido sulle pareti del materiale

– la finitura superficiale del metallo.

TIPOLOGIE DI CORROSIONE

– Corrosione Puntiforme: rottura localizzata dello strato passivato dell’acciaio inox provocata da un elettrolita ricco di cloruri o solfuri.
– Corrosione Cavernosa: in un elettrolita con alta % di clurori,una zona chiusa di un manufatto costruito con un design pessimo, favorisce l’accumulo di ioni di cloruro. La progressiva acidificazione dell’ambiente destabilizza lo strato passivato.
– Corrosione Intergranulare: tipo di corrosione che può manifestarsi nelle zone saldate che risultano come “impoverite” a causa della corrosione progressiva che interessa il cromo.
– Tenso-corrosione: Questo tipo di corrosione, interessa tutta la superficie del componente, aggredito da un elemento corrosivo. Su scala micro-grafica, corrisponde ad una perdita uniforme di spessore e peso.

In generale, il miglior comportamento nei confronti dei fenomeni corrosivi, è offerto dagli acciai austenitici, che presentano un film passivo particolarmente resistente. Per evitare che si inneschino corrosioni sugli INOX, oltre a scegliere opportunamente il tipo di materiale in funzione del servizio al quale esso è destinato, è bene anche seguire alcune precauzioni durante le lavorazioni e la messa in opera . E ‘ necessario intanto, sia in fase di stoccaggio dei prodotti, sia in fase di trasformazione durante le lavorazioni, sia durante le installazioni, evitare contaminazioni con materiali meno nobili, come ad esempio quelle causate dall’acciaio comune.A volte, per pulire efficacemente le superfici dell’INOX è sufficiente un trattamento basico con acqua e sapone oppure acqua e soda. In casi ove la sporcizia sia molto più resistente o dove sia necessario procedere a decapaggio e a decontaminazione è possibile utilizzare appositi prodotti in pasta da impiegare in maniera localizzata sulla zona da trattare.

Inoxstyle offre nell’ampia gamma dei suoi servizi i trattamenti più idonei a scongiurare fenomeni corrosivi, affidando a professionisti operazioni come la lucidatura e il decapaggio, ossia un’azione di pulitura intensiva che elimina dai metalli strati superficiali indesiderati.

Ti potrebbero interessare anche: